SCRITTORInCORSO
 
torna all'HOME PAGE
MAPPA SITO 
 (FORUM) torna all'HOME PAGE

    (BIBLIOGRAFIA)    (BIOGRAFIA)    (NUOVO LIBRO)    (AGENDA)

   
Autore Argomento Data
  Maria Rita Parsi Risposta a Elena del 17.04.2014 15/10/2014 17:09:28
  inserisci nuovo messaggio Brava Elena, coraggio. E' questa la strada
giusta. Al di sopra dei quattrini, c'è comunque
l'amore che, se viene dato, esiste e risulta
sempre. I suoi figli sapranno, se lei li ama,
d'essere amati adesso e per sempre.
Le sono vicina
MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a Rinda del 17.04.2014 15/10/2014 17:05:16
  inserisci nuovo messaggio Credo che questa domanda potrebbe essere posta
non a milioni ma a miliardi di donne le quali,
da sempre, devono operare queste conciliazioni.
E come lei giustamente segnala, si tratta di
conciliazioni faticosissime. Bisogna allenarsi
con pazienza, disciplina e senso del dovere.
Auguri per le sue fatiche. Miliardi di donne,
insieme a me, le sono vicine e solidali.
MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a Maria Giovanna del 30.04.2014 15/10/2014 16:59:48
  inserisci nuovo messaggio Cara Maria Giovanna,
per un appuntamento su Roma, le lascio il
riferimento della mia assistente, dott.ssa
Mariagemma Cecchi: 331.5366267.
Un caro saluto
MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a Lucia del 10.05.2014 15/10/2014 16:47:47
  inserisci nuovo messaggio Cara Lucia,
è stato un vero piacere leggere la sua lettera e
ricordare anche con lei il profondo affetto che
mi lega oltre il tempo e la vita alla
professoressa Iole Baldaro Verde. Bollea è stato
presidente onorario della mia Fondazione, la
Fondazione Movimento Bambino per la quale la
Scuola Genitori rappresenta uno degli obiettivi
fondamentali. Le lascio il riferimento della mia
assistente, dott.ssa Mariagemma Cecchi:
331.5366267.
Un caro saluto
MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a Laura del 12.05.2014 15/10/2014 16:43:16
  inserisci nuovo messaggio Cara Laura,

importante sarebbe parlare con l'adolescente e
capire cosa prova.
La sua è un'età molto delicata e complessa con
cambiamenti fisici e psichici importanti.
Perchè, ad esempio, non aiutarla a stare con il
padre, se non ci sono conflitti tra lei e il suo
ex marito? Io credo che questo delicato
passaggio, poichè ogni trasloco costituisce un
forte stress, meriterebbe un approfondimento,
magari con un collega psicoterapeuta. Perchè non
rivolgersi al consultorio familiare per ricevere
aiuto e consiglio, coinvolgendo la ragazza e
aiutandola a elaborare il lutto dello staccarsi
da questa casa e dal centro della città?

Un saluto caro
MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a Stefania del 16.05.2014 15/10/2014 16:36:20
  inserisci nuovo messaggio Cara Stefania,
la prego di prendere contatto con la mia
assistente, dott.ssa Mariagemma Cecchi
(331.5366267) che le darà il numero della
referente della scuola.

Un caro saluto
MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a Samina del 18.05.2014 15/10/2014 16:34:06
  inserisci nuovo messaggio Grazie Samina e soprattutto grazie per la
preghiera.

Un saluto affettuoso
MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a Giovanna del 22.05.2014 15/10/2014 16:32:47
  inserisci nuovo messaggio Cara Giovanna, anche se con un pò di ritardo la
ringrazio di cuore per gli auguri di buon
onomastico.
MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a Susanna del 26.05.2014 15/10/2014 16:30:28
  inserisci nuovo messaggio Cara Susanna,
la ringrazio per questa notazione che terrò
presente. La questione delle mense scolastiche
merita un approfondimento che, all'occorrenza,
non mancherò di fare.

Un saluto affettuoso
MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a Sandra del 26.05.2014 15/10/2014 16:27:50
  inserisci nuovo messaggio Cara Sandra,
certamente il complesso di Edipo gioca, in molti
casi, un ruolo determinante. E' una chiave di
lettura interessante per analizzare molti dei
casi del libro. Faccia attenzione, però, a non
generalizzare. Grazie per aver scelto il mio
libro.

Un saluto caro

MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a Samantha del 26.05.2014 15/10/2014 16:23:54
  inserisci nuovo messaggio Cara Samantha,
i sogni sono la via importante per sondare il
nostro inconscio. Per esaminarli, però, c'è
bisogno di una relazione terapeutica che stimoli
in lei una serie di collegamenti, chiave di
lettura del sogno stesso. Quindi, quello che le
posso dire è che il sogno è importante e che
certamente esprime un suo bisogno profondo di
rispondere al segnale che il corpo le invia con
i calcoli renali con una serie di azioni e di
riflessioni che potrebbero aiutarla a liberarsi.
Altro non posso comunicarle anche perchè, per un
approfondimento, sarebbe indispensabile lei
facesse una psicoterapia. Le consiglio di
individiare un/una terapeuta per effettuare
questo percorso.
Auguri
MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a Anna del 03.06.2014 15/10/2014 16:16:47
  inserisci nuovo messaggio Gentile Anna,
visionerò il materiale che mi ha inviato e, se
possibile, ne farò un articolo.

Con stima.

Grazie per la segnalazione
MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a Angelica del 18.06.2014 15/10/2014 16:11:39
  inserisci nuovo messaggio Cara Angelica,
penso che l'inserimento del bambino sia la cosa
più importante viste le difficoltà che mi
segnala. Valuti bene che nella nuova scuola ci
sia personale qualificato a permettere questa
integrazione. E' bene che ci sia un continuum
dalla scuola materna alle elementari.

Auguri
MRP

  Maria Rita Parsi risposta a Barbara del 21.06.2014 15/10/2014 16:07:17
  inserisci nuovo messaggio Cara Barbara,

le lascio il punto di riferimento della mia
segreteria: dott.ssa Mariagemma Cecchi -
331.5366267.

Un caro saluto
MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a Maestra Lifanti del 16 febbraio 02/05/2014 17:34:52
  inserisci nuovo messaggio Cara Maestra Lifanti, il consiglio è quello di
celebrare la Festa della mamma con un disegno
dedicato alla mamma. E' chiaro che questo bambino
disegnerà, molto probabilmente, l'orrore che ha
dentro e che, attraverso il disegno, potrà
esprimere. Le consiglio la lettura dell'ultimo
libro che ho scritto insieme a Angela
Gangeri, "Amarli non basta" e anche il bellissimo
libro di Judith Viorst, "Distacchi",
sull'elaborazione del lutto della perdita, che
potrà aiutare il suo allievo.

Un saluto caro
MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a Marco del 23 febbraio 02/05/2014 17:25:47
  inserisci nuovo messaggio Grazie Marco. Le sue sono parole bellissime e
piene di chiarezza. Una chiarezza che lei,
probabilmente, è riuscito a fare profondamente
dentro di sé. Ricambio l'abbraccio e credo che
questa ricchezza che le viene dai rapporti
complessi con le figure femminili, alla fine, le
offrirà in dono di trovare una donna con la quale
intendersi in armonia perfetta.
MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a Luisa del 24 febbraio 02/05/2014 17:20:36
  inserisci nuovo messaggio Cara Luisa, questa sua lettera mi ha fatto molto
piacere. Lei ha descritto in maniera illuminante
i rapporti tra i suoi figli. Congratulazioni
perché ha compreso tutti quanti questi passaggi
relativi alla gelosia tra fratelli e,
probabilmente, solo scrivendo la lettera, già ha
risolto moltissimi dei problemi che crede di
avere. Certamente, le sarebbero comunque di aiuto
i consigli di uno psicologo infantile o di uno
psicoterapeuta. Se non ne trova nella sua zona,
le lascio il punto di riferimento del mio studio
di Roma: dott.ssa Mariagemma Cecchi - 3315366267.
Un saluto caro
MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a Sarah del 28 febbraio 02/05/2014 16:59:02
  inserisci nuovo messaggio Cara Sarah, mi occupo anche delle situazioni di
cui lei ha fatto cenno. Le lascio il punto di
riferimento del mio studio di Roma: dott.ssa
Mariagemma Cecchi (3315366267). Insuperabile per
queste patologie è anche il Prof. Fabrizio Di
Giulio di cui, all'occasione, le darò i
riferimenti.
Un saluto caro
MRP


  Maria Rita Parsi Risposta a Nicla del 28 febbraio 02/05/2014 16:56:22
  inserisci nuovo messaggio Cara Nicla, non conosco la storia della vostra
famiglia né la storia della gravidanza, della
nascita e dei primi anni di vita del bambino che
per me sono molto importanti da considerare in
situazioni di questo genere. Se me ne vuole
venire a parlare, il riferimento del mio studio
di Roma è il seguente: dott.ssa Mariagemma Cecchi
- 331.5366267. Le consiglio anche di trovare un
buon neuropsichiatra infantile perché il
termine "immaturità emotiva" dice tutto e non
dice nulla. Come a dire: lasciamo fare alla
crescita. Sono sicura, invece, che ci siano delle
ragioni e delle dinamiche che sottendono a questo
comportamento.
Un saluto caro
MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a Agata del 5 marzo 02/05/2014 16:46:54
  inserisci nuovo messaggio Cara Agata, lei ha bisogno di parlare, di
sfogarsi, di capire da dove iniziano e in cosa
sfociano i suoi problemi. Le consiglio vivamente
di trovare un/una psicoterapeuta, per
approfondire le caratteristiche di questo
disagio. Alle volte, anche solo cambiare il modo
di comunicare può servire a comprendersi fino in
fondo.
Un saluto caro
MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a Simona del 19 marzo 02/05/2014 16:40:15
  inserisci nuovo messaggio Cara Simona, ad Avellino non conosco nessuno
specialista che possa aiutarla. Per un
appuntamento con il mio studio di Roma, può
contattare il mio studio di Roma: dott.ssa
Mariagemma Cecchi - 3315366267.
Un saluto caro
MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a Silvia del 27.11.2013 14/03/2014 11:20:31
  inserisci nuovo messaggio Cara Silvia, abbia la pazienza e il coraggio di
aspettare. Comprendo il desiderio che lei prova
di raccontare qual è il vostro vissuto ma il
bambino, a livello della memoria del corpo, la
traccia di questo vissuto già ce l’ha. Aspetti
per poi spiegargli, con parole adeguate, il
percorso della sua nascita. Mille auguri. MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a Fabrizia del 27.11.2013 14/03/2014 11:17:23
  inserisci nuovo messaggio Cara Anna Maria, con grande piacere le lascio il
riferimento della mia assistente (dott.ssa Gemma
Cecchi – 331.5366267) che potrà contattare e che
le fornirà l’indirizzo a cui spedire il libro. Lo
recensirò di gran cuore. Anch’io ho cominciato
nel 1976 scrivendo un libro dal
titolo “Animazione in borgata” (Savelli).
Un caro saluto. MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a Anna del 27.11.2013 14/03/2014 11:14:30
  inserisci nuovo messaggio Cara Anna, ogni storia è una storia. Non si può
generalizzare. Si diventa bulimiche per tutta una
serie di gravi e dolorosi problemi connessi al
rapporto primario con la madre e, poi, agli
sviluppi del rapporto con il mondo intorno e la
sessualità.
Un caro saluto
MRP


  Maria Rita Parsi Risposta a Alessandra del 19.11.2013 14/03/2014 11:12:56
  inserisci nuovo messaggio Cara Alessandra, non appena avrò informazioni in
merito sarà mia cura avvertirla. Grazie per il
suo interessamento. Un caro saluto. MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a Jennipher del 24.11.2013 14/03/2014 11:10:31
  inserisci nuovo messaggio Cara Jennipher, per dirla alla maniera di Susanna
Tamaro: “Va dove ti porta il cuore”. Quello che
le consiglio, dunque, è di lavorare su se stessa
per superare le opinioni di suo padre. Quando
riuscirà a liberarsi dei condizionamenti, lei
troverà la forza di trovare la sua strada e di
fare al meglio questo lavoro che, quando è ben
fatto, può cambiare la vita alle persone e dare
strumenti di conoscenza e di crescita, così
importanti nella vita di ciascuno di noi. Mille
auguri. MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a Monica 14/03/2014 11:06:33
  inserisci nuovo messaggio Gentile Monica, le lascio il punto di riferimento
della mia assistente (dott.ssa Gemma Cecchi –
331.5366267) che potrà contattare in merito alla
sua gentile richiesta. Un caro saluto. MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a Daniela del 16.12.2013 14/03/2014 11:02:18
  inserisci nuovo messaggio Cara Daniela, io sono grata a lei per le sue
parole che mi fanno bene e mi incitano a fare di
più e sempre meglio. La ringrazio dal profondo
del cuore perché ogni incoraggiamento è come una
carezza e aiuta ad andare avanti.
Un affettuoso saluto. MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a Antonella e Stefano del 17.12.2013 14/03/2014 11:01:04
  inserisci nuovo messaggio Cari genitori, non credo al valore educativo
delle punizioni. Credo, invece, che sia molto
importante trovare un mediatore competente che
permetta al bambino di esprimere i suoi problemi
e le sue difficoltà che potrebbero essere
collegati al grado di complessità della scuola
che sta frequentando. Comunque, lascio un punto
di riferimento telefonico (dott.ssa Gemma Cecchi
– 331.5366267), considerando che io sono nei
pressi di Vittorio Veneto, in media una volta al
mese.
Un caro saluto. MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a Maria del 20.12.2013 14/03/2014 10:59:19
  inserisci nuovo messaggio Cara Maria, non è mio costume contattare
telefonicamente chi mi scrive sul Forum. Se
desidera stabilire un contatto con me, il numero
della segreteria è il seguente: dott.ssa Gemma
Cecchi – 331.5366267.
Un caro saluto. MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a M. S. del 17.01.2014 14/03/2014 10:57:19
  inserisci nuovo messaggio Gent.mo, le lascio il punto di riferimento della
mia assistente (dott.ssa Gemma Cecchi –
331.5366267) che potrà contattare in merito alla
sua richiesta.
Un caro saluto. MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a Smila del 05.01.2014 14/03/2014 10:55:37
  inserisci nuovo messaggio Carissima, è molto difficile dare dei consigli e
dei suggerimenti se questa famiglia, che ha
bisogno di una terapia familiare, non prende la
decisione di farla. Quanto al ragazzo, non credo
che la collega possa aver dato una simile
risposta, nemmeno per ironizzare, ma credo
opportuno che a questa collega si aggiungano dei
professionisti di terapia familiare per fare un
lavoro complessivo sulla famiglia. Probabilmente,
il ragazzo non vuole confidarsi perché non crede
che l’ambiente familiare possa contenere il suo
disagio e aiutarlo. Quindi, occorre che, al di
fuori della famiglia, trovi una persona che, come
lei, è interessata alla sua salute psichica e che
guadagni la sua fiducia.
Mille auguri. MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a Pina del 09.01.2014 14/03/2014 10:53:17
  inserisci nuovo messaggio Cara Pina, c’è una sofferenza profonda per la
quale c’è bisogno di una farmacoterapia e di una
psicoterapia, di un inserimento in una comunità,
che aiutino vostra figlia a riprendere in mano le
redini della sua vita. Vostra figlia è una
ragazza molto intelligente e forse il disagio
parte proprio dalla grande intelligenza e
capacità che ha.
Mille auguri. MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a Maria Gabriella del 15.01.2014 14/03/2014 10:51:15
  inserisci nuovo messaggio Gentile Maria Gabriella, le lascio il punto di
riferimento della mia assistente (dott.ssa Gemma
Cecchi – 331.5366267) che potrà contattare in
merito alla sua gentile richiesta.
Un caro saluto. MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a mamma del 01.02.2014 14/03/2014 10:49:14
  inserisci nuovo messaggio Cara mamma, prendere contatto con una
neuropsichiatra ed una psicologa, per se stessa e
per sua figlia, è di fondamentale importanza. Ci
deve andare lei, per fare l’anamnesi del
malessere di sua figlia e capire cosa può fare,
ma anche la ragazzina va aiutata e sostenuta in
questo passaggio difficile, dalla neuropsichiatra
e dalla psicologa.
Mille auguri. MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a Greta del 01.02.2014 14/03/2014 10:46:46
  inserisci nuovo messaggio Cara Greta, è normale che il suo bambino, che ha
un padre severo, che non scherza su certi
argomenti e non si apre a trattarli, sia
particolarmente riservato. Suo figlio sta vivendo
quelli che Marina Polla de Luca chiama “amori
elementari”, profondissime esperienze di cui il
bambino non vuole parlare perché lui, per primo,
le sta vivendo ed elaborando. Lui stesso, cioè,
non sa come parlarne a se stesso. Le consiglio,
quindi, di non intromettersi in questi vissuti e,
semmai, per quello che riguarda l’educazione
sentimentale da dare, ne parli genericamente,
quando è a tavola, rivolgendosi a suo marito,
mentre state guardando la televisione e
commentando un programma, esplicitando, in queste
occasioni, che le bambine e le donne vanno
trattate bene e rispettate nei loro sentimenti.
Il resto lo farà il tempo.
Mille auguri. MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a Elena del 08.02.2014 14/03/2014 10:43:59
  inserisci nuovo messaggio Cara Elena, suo figlio che ha sedici anni e mezzo
può benissimo comprendere che la madre non si
vuole arricchire alle spalle del padre ma sta
semplicemente portando avanti un’azione legale
più che giusta perché venga pagato l’assegno di
mantenimento. La cosa più importante è non avere
paura. Mia nonna recitava spesso un proverbio che
mi è rimasto nel cuore: “Paura non fare, paura
non avere”.
Mille auguri. MRP

  Maria Rita Parsi Risposta a Anna del 12.02.2014 14/03/2014 10:40:52
  inserisci nuovo messaggio Cara Anna, ho letto con attenzione le pagine
della sua lunga lettera che costituiscono una
sintesi del percorso che sta facendo, della
sofferenza e dei dubbi che prova ma che contiene
anche la formidabile energia, che già dalla
scrittura si evince, di potercela fare a cambiare
e a trasformare le difficoltà in realizzazione.
Le consiglierei di continuare a scrivere il libro
della sua vita. Io, personalmente, lo leggerò con
piacere. Auguri infiniti.
Un saluto affettuoso e sincero.
MRP

  Maria Rita Parsi risposta a Daniela del 30.07.2013 06/12/2013 17:10:39
  inserisci nuovo messaggio Cara Daniela, la bambina va preparata un po’ alla
volta a questo trasloco, anche creativamente:
disegnando, ad esempio, come sarà la nuova
cameretta, mostrandole sulla cartina il luogo in
cui si trasferirà la famiglia e andandolo a
visitare in anticipo. MRP

  Maria Rita Parsi risposta a Polianna del 18.08.2013 06/12/2013 17:08:01
  inserisci nuovo messaggio Cara Polianna, le consiglio di aspettare che il
padre stia meglio prima di organizzare un incontro
con il bambino. Nel frattempo, il bambino può
continuare a sentirlo telefonicamente, attraverso
Internet e i social network, ricevere da lui delle
lettere. Sarà importante, per lei e per il
bambino, essere sostenuti in questo faticoso
passaggio da uno psicologo/psicoterapeuta. MRP

  Maria Rita Parsi risposta a Anna Rita del 25.08.2013 06/12/2013 17:05:39
  inserisci nuovo messaggio Cara Anna Rita, la maniera con la quale è stata
affrontata la morte della nonna mi sembra molto
opportuna: una modalità che procede per distacchi,
fino ad arrivare alla “casa di Gesù” dove tutti ci
rincontreremo. La prego di farsi sostenere dal
punto di vista psicologico per affrontare questa
sua malattia sulla quale sono certa trionferà
perché oggi, per sconfiggere il tumore, si fa
tanta ricerca. Consenta anche alle sue bambine,
attraverso la mediazione di uno psicoterapeuta, di
manifestare la loro angoscia di morte. Le sono
vicina con il cuore, MRP

  Maria Rita Parsi risposta a Lorena del 22.09.2013 06/12/2013 17:03:22
  inserisci nuovo messaggio Cara Lorena, probabilmente questa ragazza agisce
inconsapevolmente, ripetendo dei copioni appresi
in famiglia o in società, senza rendersi conto del
suo modo di fare. Un dialogo garbato e
approfondito, preceduto da momenti di conoscenza
come una pausa caffè o una pausa pranzo insieme,
potrebbero essere propedeutici per affrontare il
problema. MRP

  Maria Rita Parsi risposta a Rosa del 22.09.2013 06/12/2013 17:00:26
  inserisci nuovo messaggio Cara Rosa,
la dipendenza da Internet andrebbe trasformata,
con metodi adeguati, in un utilizzo corretto del
computer. Considerando che il suo ragazzo
manifesta ormai psicosomaticamente il suo disagio
per il fatto di essere allontanato dai compagni,
sarebbe opportuno un incontro con un terapeuta che
lo aiuti ad uscire da questo isolamento in cui si
trova e, al contempo, aiuti la famiglia a capire
le motivazioni del suo comportamento e a prendere
consapevolezza delle spinte involontarie che a
tale isolamento sono state date. MRP


  Maria Rita Parsi risposta a Virginia del 08.11.2013 06/12/2013 16:55:58
  inserisci nuovo messaggio Cara Virginia, credo che occorra prestare sempre
grande attenzione quando si parla di “figli
modello”. I bambini modello, solitamente, fanno
degli sforzi enormi per guadagnarsi
l’ammirazione dei genitori ed essere così
all’altezza delle loro aspettative.La menzogna
può diventare, allora, una sorta di difesa. Con
la vostra vicinanza, cercate di capire se c’è
qualcosa che, nell’ambiente familiare e in
quello scolastico, disturba la bambina,
inducendola a mentire. MRP

  Maria Rita Parsi risposta a Elisa del 29.07.2013 21/11/2013 17:07:22
  inserisci nuovo messaggio Cara Elisa, può contattare la mia assistente
dott.ssa Mariagemma Cecchi (331.5366267)che le
fornirà l'indirizzo mail al quale inviare i
disegni. Un saluto affettuoso. MRP

  Maria Rita Parsi risposta a Maria del 05.08.2013 21/11/2013 17:03:08
  inserisci nuovo messaggio Cara Maria, mi auguro che ascolti i suoi
desideri e le sue inclinazioni più profonde e,
applicandosi, vedrà, sono certa, troverà lavoro.
MRP

  Maria Rita Parsi risposta a Enzo del 06.09.2013 21/11/2013 16:53:08
  inserisci nuovo messaggio Caro Enzo, vorrei innanzitutto ringraziarla per
la fiducia e dirle con sincerità e di tutto
cuore che terrò presente il suo suggerimento. MRP

  Maria Rita Parsi risposta a Rebecca del 07.09.2013 21/11/2013 16:50:41
  inserisci nuovo messaggio Cara Rebecca, vale la pena di rischiare,
accettando i passaggi della conoscenza
dell’altro che non possono prescindere, però, da
una buona conoscenza di se stessi, dei propri
bisogni e delle proprie esigenze più profonde.
Quando si conosce se stessi, l’incontro con
l’altro è favorito in tutti i sensi e anche
l’amicizia. Nel dare e nell’avere, lo scambio è
vicendevole. L’amicizia è una forma d’amore che
dà senso ai passaggi della vita perché l’amico
ne è testimone insieme a noi.MRP

  Maria Rita Parsi risposta a Claudio del 19.09.2013 21/11/2013 16:47:20
  inserisci nuovo messaggio Ben volentieri. Spero di potervi essere utile.
Vi lascio il punto di riferimento della mia
assistente, dott.ssa Mariagemma Cecchi
(331.5366267) alla quale segnalerete di avermi
contattata attraverso questo Forum. MRP

  Maria Rita Parsi risposta a Cristina del 19.09.2013 21/11/2013 16:44:32
  inserisci nuovo messaggio Cara Cristina, grazie per le bellissime parole e
per aver notato la tristezza dei miei occhi ma,
in questo momento, la prego di credermi, stanno
brillando di autentica gioia. Un abbraccio. MRP

  Maria Rita Parsi risposta a Stefano del 04.10.2013 21/11/2013 16:42:27
  inserisci nuovo messaggio Caro Stefano, ti rispondo di vero cuore con un
grazie perché ti ricordi del lavoro che abbiamo
fatto insieme, a scuola. Gli alunni sono
preziosi perché ti riportano indietro a parti
della propria vita che non si possono trascurare
né dimenticare. Il punto di riferimento per
incontrarci, compatibilmente con i tuoi e i miei
impegni, è quello della mia assistente dott.ssa
Mariagemma Cecchi (331.5366267), segnalando che
mi hai contattata attraverso questo Forum. Un
saluto affettuosissimo MRP


  Metti un messaggio in bacheca